Come sprecare serate a guardare film di merda – Lost in translation

Stasera, visto che come al solito non avevo una cippa da fare, mi sono dedicata alla visione di “Lost in translation” dopo tanto tempo che ne avevo l’intenzione. Ingenuamente ho sempre creduto che avesse a che fare, almeno tangenzialmente, con robe tipo traduzione, interpretariato, adaptation & compensation e così via; inoltre, una feticista di tardoni come me non vedeva l’ora di vedere le scintille tra un cinquantenne o giudilì e una venticinquenne o giudilì. E invece ho testé scoperto che è un film di merda senza senso, proprio come il suo stupido titolo.
Dunque, per fare una sinossi il più fedele possibile, in pratica c’è il culo di Scarlett Johansson – che gira in mutande per quasi tutta la durata del film – che si è reso conto troppo tardi che Giovanni Ribisi, con cui è sposato da due anni, è un disadattato che balbetta e, udite udite, RUSSA DI NOTTE (no, dico, se non è questo il massimo dell’antiromanticismo!!1!1 No cioè, ke sfigato!!1!); i due soggiornano a Tokyo per non si sa quale motivo, o meglio, si capisce in seguito perchè tra una balbuzie e l’altra Ribisi fa capire allo spettatore che è un fotografo delle starz (cioè, di starz un po’ scarse, come lui del resto). Il culo della Johansson invece si è laureato in filosofia, perciò è un intellettuale, e questo lo fa sentire a disagio quando si confronta con il mondo frivolo e superficiale nel quale lavora il suo rincoglionito e buffo marito; il fatto poi che si trovino in questa città così lontana dagli Stati Uniti e così bizzarra e strana, piena di cose così poco americane e di questi giapponesi che sono così ridicoli col la loro R pronunciata come L e fanno cose veramente troppo strane e diverse da quelle del mondo occidentale, provoca ulteriore ansia al culo della Johansson che quindi la notte non riesce a dormire.
Nel frattempo si trova nello stesso albergo anche Bill Murray che non si capisce bene che tipo di mestiere faccia, insomma è un attore americano in declino o forse un attore americano che va un sacco in Giappone, questo non si capisce bene, però si capisce che lui è lì per girare uno spot da ben due mylyony dy dollary per un uísky tipo il Vat69 e che è scazzato non poco; del resto i suoi collaboratori giapponesi sono degli imbecilli che stanno tutto il tempo a comportarsi in modo educato e gentile (ke sfigati!!12!), e oltre a ciò anche Bill nota che Tokyo è piena di gente che parla un inglese con accento non americano o addirittura che parla giapponese (!!1!), e questo lo mette un sacco a disagio e non lo fa dormire la notte, per non parlare di sua moglie che normalmente non lo caga di striscio ma poi quando è in giro per il mondo lo tempesta di fax per chiedergli che sfumatura di rosso voglia per il suo studio o di che lunghezza preferisca le mensole della libreria. Tutto questo per dire che il matrimonio dopo l’arrivo dei figli è duro, gente, e che quindi se durante il film gli scapperà via l’uccello per andarsi a infilare nel culo della Johansson non dovrete stupirvi. E va be’, penso tra me, in fondo è per questo che l’ho scaricato, perciò pur se molto titubanti andiamo avanti e vediamo dove va a parare.
Allora una delle varie sere in cui non riescono a chiudere occhio, i due (il culo della Johansson e Bill Murray) si incontrano al bar dell’albergo e fanno una chiacchierata di circostanza, del tipo “Tu che fai? Io sono giovane, tu sei vecchio, ma com’è essere sposati per venticinque anni? Eh lo so, qui in Giappone parlano tutti giapponese e i loro programmi televisivi fanno cagare, comunque sto pensando intimamente che ti vorrei scopare però non lo dico perché questo è un film romantico che deve creare delle aspettative perciò mi limito a fissarti intensamente, ok buonanotte a domani”.
Nel frattempo, guarda un po’ che culo, il marito del culo della Johansson se ne deve andare per un paio di giorni a fare foto, momento in cui uno finalmente pensa “Evvai, da adesso in poi sesso a go-go per il resto della pellicola così almeno diamo un senso a questo film sfracellacoglioni”; e invece no, perché questo non sarà che l’inizio di una lunga serie di scene e dialoghi privi di senso, spessore e dignità, intrisi di una banalità sconcertante, tipo che si mettono a correre ridendo nel traffico di Tokyo o nella hall dell’albergo (mancava solo che piovesse), o che si fanno le canne a casa di uno mentre cantano col karaoke sempre mentre continuano a fissarsi intensamente e romanticamente anche se noi tutti sappiamo benissimo che vorrebbero reciprocamente scoparsi, il tutto sempre sullo sfondo di un Giappone metropolitano pieno di luoghi comuni e stereotipi che manco er Monnezza con er Chiappetta, al cui confronto battute come “A Chiappe’, su ‘sta fava ‘n se scureggia” sono di una intensità e di una profondità smisurata.
Ovviamente, per condire il tutto con un’ultima spruzzatina di mediocrità, alla fine i due si ritrovano a dormire nello stesso letto senza però fare sesso (lui si limita ad accarezzarle un piede mentre dorme, cioè, ke romantiko!!1!2), cosa per cui questa pellicola di merda è stata osannata all’unanimità da pubblico e critica (perché il sesso è brutto ragazzi, è molto più poetico passare il tempo a dire e fare stronzate senza senso). Ah, e prima che lui se ne torni a casa, la raggiunge in strada e le sussurra una frase che lo spettatore non riesce a sentire (che aura di mysthero e indecifrabilità!), dopodichè risale in macchina mentre lui (il culo della Johansson) si confonde tra la massa informe di giapponesi tutti uguali e riprende a camminare.
Ecco, quando mi trovo di fronte a pellicole imbarazzanti come questa, che riescono a farmi sentire più a disagio di quando vedo la pubblicità di Vagisil contro la secchezza vaginale per ritrovare il piacere nell’intimità, mi chiedo sempre che cazzo di problemi abbiano dentro la testa quelli che l’hanno partorita. Insomma, non dico il TSO, ma qualche anno di terapia da un buon analista secondo me potrebbe essere d’aiuto.

Annunci

12 thoughts on “Come sprecare serate a guardare film di merda – Lost in translation

  1. Dopo questa critica puntuale ed esauriente, questo lost in transaction non lo potrò che to lose.
    Oltretutto per vedere il culo di scarlett non occorre sorbirsi due ore di rotrtura di coglioni, e ce n’è comunque di migliori a giro 😉

  2. su i giapponesi che parlano addirittura giapponese incuranti(sti stronzi) degli americani presenti a tokyo mi hai scassato.

  3. non mi ricordo praticamente niente del film ma mi ricordo che mi era piaciuto. ma ora non so più niente… neanche prima

  4. lo vidi diverso tempo fa, e non ricordo bene la trama – ma mi ricordo di essere stata molto perplessa, dopo.
    (un altro film che non mi è piaciuto è stato Match point, ma su quello finora non ho trovato nessuno della mia stessa opinione, indi per cui mi taccio)

    ciao Lady

    • Oh madonna, pure questo mi era sfuggito! Chiedo venia.
      Sono sicura cara Lisa che se vedessi Match Point sarei della tua stessa identica opinione, e infatti è proprio per questo che non l’ho mai cacato di striscio. Credo che Woody abbia smesso di sfornare pellicole decenti dopo “Harry a pezzi” alla fine degli anni ’90, per non parlare del fatto che si è perso anche lui nei meandri del culo di Scarlett Johansson.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...