L’ultimissima guida alla religione D.I.Y. di Papa Francesco

20140605-004431-2671279.jpg

Ebbene sì, finalmente ci siamo arrivati: dio è talmente fico, ma talmente fico, e talmente gggiovane, che crederci ormai non serve più a una cippa, tanto lui belli e brutti in paradiso ci manda tutti, perfino noi stronzi atei. Parola di Papa Bergoglio, quello con le scarpe da tennis e il nome del personaggio più idiota che la Chiesa abbia mai annoverato tra le sue fila, e se lo dice lui, il papa dellagggente, la cui sfacciataggine mediatica è riuscita a far cadere nel dimenticatoio perfino quel falso cacacazzi polacco di Wojtyla, buona camicia a tutti.
Genio. Leggenda. Novantadue minuti di applausi per quest’ultima imperdibile trovata. Come si fa a non provare un moto di simpatia nei suoi confronti? Non si può.
Ma la parte più divertente della faccenda, permettetemi di dirlo, sono i cattolici “intransigenti”, gli avemmmariagratiaplenaorapronobispeccatoribus, quelli per cui il papa dovrebbe essere dio in terra. A loro non piace questa apertura verso il nemico: no, loro non possono accettare di aver dato via il culo in età fanciullesca a don Mariano per poi ritrovarsi in fila davanti alle porte del paradiso dietro a qualche comunista senzadio, perciò criticano. Loro criticano IL PAPA, ragazzi. Perché loro, evidentemente, ne sanno più dello stesso dio – che parla agli uomini per mezzo del papa – in fatto di religione.
Francamente non saprei dire quale delle due cose sia più aberrante, religiosamente parlando, ma penso che tra tutte le religioni la più fuffa, la più farlocca, la più imbecille nonché la più ridicola sia proprio quella cattolica, in cui dei semplici miles christi babbioni si permettono di discutere il sacri vaneggiamenti teologici del proprio generale supremo. E questo la dice lunga sull’autenticità della fede di chi si batte il petto sulla pubblica piazza.
Di solito però, quando arrivo a queste conclusioni, mi chiedo sempre ma chi cazzo me lo fa fare, e perché invece di meditare sulle minchionerie di papa Francesco e dei suoi accoliti non mi metto a guardare le foto di Andrew Garfield nudo o parzialmente vestito con la maglietta bagnata che sorge dalle acque come una Venere di Botticelli di origini inglesi ma americana da parte di padre. No, sul serio, era dai tempi in cui Liam Neeson aveva lasciato un posto vacante nel mio cuore che un attore non mi mandava l’ormone allo sbaraglio in questo modo.

Annunci

11 thoughts on “L’ultimissima guida alla religione D.I.Y. di Papa Francesco

  1. Non posso che concordare con l’assunto del post così mirabilmente dimostrato: il papa per definizione è l’unico interprete valido e certificato delle sacre scritture; quello che dice non può essere discusso e se dice che cristo è morto dal sonno, ebbene cristo è morto dal sonno.
    Qualche anno fa, simili contestazioni temerarie avrebbero potuto fruttare un anticipo delle fiamme infernali su questa terra.
    L’unica cosa su cui esprimo un leggero dissenso è che preferirei posto di Garfield, visto che siamo in tema di Spider Man, veder sorgere dalle acque con maglietta bagnata, Emma Stone 😀 .
    Ma è un’opinione personale.

    • Io invece la Stone vorrei vederla pendere morta come nel finale di Spiderman 2, visto che è colei che si gode le sue belle chiappe albioniche anche nella vita reale. Che stronza.

  2. Intendiamoci bene, non che la Stone sia il mio sogno, ma facciamo così: per farti un piacere, ma solo perché sei un’amica io prendo la Stone e ti lascio Garfield cone relative chiappe 😉

  3. bene,
    un post sulla chiesa cattolica. qui c’è da sbizzarrirsi.
    la storia dell’apertura agli atei non la sapevo e direi che è l’ennesima chicca,
    andando più in generale sull’operato di mamma chiesa direi che questa operazione di marketing chiamata pope francis mi ha fatto fin dall’inizio ridere,
    ma talmente ridere che mi ha messo tristezza.
    la solita paccottiglia, il solito buonismo da 2 lire che fanno salire la solita nausea.
    la tristezza viene dal fatto che qualcuno(sempre meno fortunatamente, almeno tra i miei conoscenti) se la beve.
    Senza stare a fare i rancorosi da blog con le solite storie sula chiesa che ormai dovrebbero sapere tutti,
    esprimo qui un semplice e banale ragionamento (da spiattellare a quelli “la chiesa è cambiata, adesso si che..”):
    immaginiamo che il partito nazionalsocialista tedesco fosse ancora in attività,
    immaginiamo che l’attuale leader fosse un gran simpaticaccio, immaginiamo che facesse dei begli spottoni strappalacrime sul bene che fa nel mondo,
    immaginiamo che avesse fatto un po di riforme, cacciato qualcuno etc.
    Ci farebbe meno schifo? beh visto che ancora c’è qualcuno che quelle merde le ha conosciute di persona direi e spererei di no. ci farebbe ancora un gran schifo.
    Ora, la chiesa cattolica romana mi pare sia la stessa medesima di sempre giusto? Per cui quando un papa buono,un vescovo innovatore,
    ma anche un santo prete di strada,
    fa o dice qualcosa di buono(ogni tanto può anche succedere)
    mi viene da pensare:
    “ok, bravo tu, ma l’organizzazione di cui sei parte e che rappresenti no.
    è la stessa delle torture, dei falò, delle complicita con imperialisti, colonialisti, nazisti etc.,
    la stessa di wojtyla(uno dei peggiori di sempre secondo il mio modesto parere).
    Per cui mi spiace, ma non sei credibile.”

    • Guarda, a me è bastato sentire che aveva scelto il nome Francesco per farmelo stare sul cazzo fin dal primo giorno.
      Mi fa veramente pena il fatto che debbano ricorrere a questi mezzucci per raccattare consensi a mo’ di pesca a strascico, specie tra quei dementi dei catto-comunisti, perchè vuol dire che sono proprio arrivati alla frutta. Se non altro, Ratzinger era coerente con l’aplombe nazista della chiesa, e oltre a ciò era un teologo coi controcazzi che non sarebbe mai sceso a questi livelli ridicoli.
      Ma ancor più ridicoli, come dici tu, sono quelli che fanno finta di non rendersi conto che è stato cambiato tutto per far restare le cose esattamente come sono sempre state. È esattamente come prendere della merda e metterci sopra un fiocchetto spacciandola per un regalo raffinato.

    • E ci metto dentro anche tutti quei preti farlocchi alla don gallo che fanno finta di essere unsaccoavantiecontroilsistema: in primis, sono controilsistema un cazzo, visto che qualunque prelato deve rendere conto al vaticano; e in secondo luogo mi fa specie che delle persone tanto sveglie non si rendano conto di tirare l’acqua al mulino dell’istituzione che criticano tanto, fornendole i mezzi per poter dire che sì, c’è la chiesa cattiva, però c’è anche la chiesa di don gallo.

      • massi infatti, l’ipocrisia di fondo è la cosa piu urticante di tutta la faccenda. è l’istituzione che sarebbe da abolire e superare nel suo insieme, non dare corda a quei pretarelli santerelli che si tengono l’uniforme del mostro. ripeto, è come se ci fossero i nazisti di strada, i nazi impegnati nel sociale, i nazi dissidenti(che però non escono dal partito). sti preti di strada, sti don gallo questo sono. Per non parlare del papa. un fuhrer nuovo, piu gentile,piu buono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...